001 CEJ20190520155731
100   ^a20190520d2018    k  y0porb0103    ba
101 0 ^aita
102   ^aIT
200 1 ^aRiflessioni sullo statuto costituzionale e convenzionale della confisca “di prevenzione” nell'ordinamento italiano^fFrancesco Viganò
330   ^aQual è — al di là dell'etichetta appiccicatale dal legislatore — la vera natura giuridica della confisca “di prevenzione” di cui all'art. 24 cod. antimafia, con la quale vengono trasferiti allo Stato beni appartenenti a privati sulla base della probabile provenienza criminosa dei beni medesimi? Si tratta, più in particolare, di una “pena mascherata”, mirante ad imporre una pena patrimoniale contro l'autore di reati non accertati nell'ambito di un procedimento penale? Ovvero si tratta di una misura a carattere non sanzionatorio, che si limita a negare tutela giuridica al rapporto di disponibilità sul bene costituito dal soggetto mediante un'attività (il reato) che non rientra tra i modi legittimi di acquisto della proprietà? Dalla risposta a queste cruciali domande dipende l'individuazione dello statuto delle garanzie, costituzionali e convenzionali, applicabile a questa forma di confisca, che sta sperimentando un sempre più ampio successo nella prassi legislativa e giudiziaria italiana, ma che — al tempo stesso — desta crescenti preoccupazioni per la sua imponente carica limitativa dei diritti fondamentali dell'individuo, senza alcuna delle garanzie caratteristiche del procedimento penale
461  1^tRivista italiana di diritto e procedura penale ^cMilano^bDott. A. Giuffré Editore^vA. 61, n.º 2 (abr.-jun. 2018)^pp. 610-643
606   ^aDireito processual penal
606   ^aDireito penal
606   ^aMedidas preventivas
606   ^aConfisco
607   ^aItália
700  1^aViganò,^bFrancesco
920 n
921 a
922 a
923  
924  
925  
931 20190520
932 d
933 2018
934     
935 k  
936 y
937 0
938 ba