100   ^a20141031d2013    k  y0porb0103    ba
101 0 ^aita
102   ^aIT
200 1 ^aInscindibilità dei giudizi e riproposizione di domande fra litisconsorti nelle fasi di gravame^fElena Merlin
330   ^a1. Giudizi di impugnazione litisconsortili e progressiva formazione di regole giurisprudenziali. - 2. L'applicazione dell'art. 331 c.p.c. e la devoluzione solo potenziale della domanda riguardante il litisconsorte "trascinato". - 3. Pronunce di assorbimento processuale o sostanziale, oneri di riproposizione delle domande ex art. 346 c.p.c. e oneri di gravame incidentale. - 4. Effetto devolutivo c.d. esterno dell'impugnazione e devoluzione solo potenziale di capi decisori dipendenti nei giudizi fra due sole parti. - 5. Ragioni pratiche e sistematiche della "semi-automaticità" dell'effetto devolutivo esterno. - 6. Spunti giurisprudenziali. - 7. Operatività dell'art. 331 c.p.c. e qualità dei conflitti "decisori" fra pronunce. - 8. Percorsi interpretativi sull'art. 331 c.p.c. e limiti dell'impugnazione incidentale tardiva: la prospettiva dell'impugnazione incidentale tardiva ex necesse condizionata all'accoglimento di un altrui gravame
461  1^tRivista di diritto processuale^cPadova^bCedam^pp. 1290-1325^vA. 68, nº 6 (nov.-dez. 2013)
606   ^aDireito processual civil
606   ^aLitisconsórcio
700  1^aMerlin,^bElena
920 n
921 a
922 a
923  
924  
925  
931 20141031
932 d
936 y
937 0
938 ba
966   ^lCEJ^sPP.14^120111019