100   ^a20140725d2012    k  y0porb0103    ba
101 0 ^aita
102   ^aIT
200 1 ^a<I >terzi e il procedimento arbitrale^fClaudio Consolo
330   ^a1. Premessa: delimitazione dell'ambito di indagine. - 2. L'ingresso con una propria domanda del terzo nel procedimento arbitrale pendente: la potestas decidendi allargata consegue alla conclusione di un compromesso sui generis, più evidente per i due interventi ampliativi del tema decisorio di cui al comma 1º dell'art. 105. - 3. (Segue) La conclusione dell'accordo compromissorio nelle ipotesi considerate dal comma 1º dell'art. 816 quinquies ... - 4. (Segue) ... e nelle ipotesi di intervento considerate dal suo comma 2º. - 5. L'intervento in giudizio. L'intervento principale e litisconsortile: in particolare il terzo già parte della convenzione d'arbitrato. - 6. (Segue) L'intervento adesivo (art. 816 quinquies, comma 2º). - 7. (Segue) L'intervento del litisconsorte necessario pretermesso. - 8. La chiamata in causa del terzo. - 9. (Segue) La distinzione tra terzi-parte dell'accordo compromissorio e terzi ad esso estranei: la sostanziale riconduzione di entrambe le ipotesi alla regola del consenso alla chiamata e le sue eccezioni. - 10. (Segue) La chiamata in causa ad opera degli arbitri: limiti ed effetti. - 11. (Segue) La chiamata ad opera delle parti: l'integrale operatività dell'art. 106 c.p.c., e le conseguenze del mancato consenso del terzo. - 12. Il terzo successore a titolo particolare ex art. 111 c.p.c. in pendenza del giudizio arbitrale. Questioni preliminari: la determinazione del momento in cui il diritto può dirsi litigioso. - 13. (Segue) La dottrina su arbitrato e art. 111 c.p.c. ante riforma del 2006. - 14. (Segue) Il diverso atteggiarsi dei meccanismi dell'art. 111 in ragione della successione o meno dell'avente causa anche nella convenzione arbitrale. - 15. (Segue) L'intervento del terzo avente causa e la costituzione del collegio arbitrale. - 16. Arbitrato pendente ed ingresso del terzo: ulteriori questioni. - 17. (Segue) Ingresso del terzo ed astensione (o ricusazione) degli arbitri. - 18. (Segue) Tempo dell'intervento, poteri del terzo e termine per la pronuncia del lodo. - 19. Ingresso del terzo ed impugnazione del lodo. - 20. (Segue) L'intervento nel giudizio di impugnazione per nullità del lodo. - 21. (Segue) L'opposizione di terzo al lodo
461  1^tRivista di diritto processuale^cPadova^bCedam^pp. 841-873^vA. 67, nº 4 (jul-ago. 2012)
606   ^aDireito processual civil
606   ^aArbitragem
606   ^aLitisconsórcio
606   ^aRecurso
700  1^aConsolo,^bClaudio
920 n
921 a
922 a
923  
924  
925  
931 20140725
932 d
936 y
937 0
938 ba
966   ^lCEJ^sPP.14^120111019